• Tassazione rendite finanziarie: gli obiettivi del governo Renzi

    Borsa MilanoIl nuovo Governo guidato da Matteo Renzi ha preso il via. Fin dalla presentazione del suo Jobs Act, il premier ha manifestato l’intenzione di ridurre l’Irap e le tasse sui lavoratori dipendenti. Programma ambizioso se non fosse per un neo non indifferente. Il primo ministro ha, infatti, intenzione di utilizzare, quale bancomat per coprire il taglio delle tasse, i risparmi degli italiani.

    => Lavoro: il Jobs Act non basta

    La caccia ai capitali è spietata e la copertura necessaria. Per questo non si usano mezzi termini nel comunicare che a causa delle minori entrate derivanti dalla riduzione dell’Irpef e dell’Irap verranno introdotte nuove tassazioni sui Bot e sugli altri titoli. Esemplificando, si andranno a toccare i risparmi degli italiani.

    => Aumento rendite finanziarie, Renzi favorevole

    Il quadro di Renzi, in tema di risparmio, è abbastanza articolato e complesso: si vuole rimodulare la tassazione sulle rendite finanziarie grazie alla quale si punterà  prevalentemente a chi effettua operazioni di tipo speculativo come ad esempio le operazioni intraday, tipologia di operazioni aperte e chiuse in giornata con il solo scopo di conseguire lauti guadagni.

    E’ prevista, inoltre, una rimodulazione delle aliquote fiscali dei Titoli di Stato, dall’attuale tassazione al 12,50% si potrebbe arrivare al 20%, oppure potrebbero essere definite aliquote variabili in funzione della durata dell’investimento, del tipo di sottoscrittore e del fine ultimo dell’investimento. In effetti, se confrontiamo la tassazione sulle rendite finanziarie con quella sui redditi di lavoro dipendente, la differenza è davvero rilevante. Ma ricordiamoci, però, che sugli investimenti finanziari gravano anche l’imposta di bollo, le commissioni bancarie e, sulle azioni, la Tobin Tax.

    => Tasse sulle rendite finanziarie, Italia nel confronto europeo

    Quello su cui intende muoversi il nuovo esecutivo è un terreno minato. Il rischio concreto è quello di gravare duramente sui piccoli risparmiatori e scoraggiare gli investitori con gravi riflessi sull’economia del Paese.

    Se vuoi aggiornamenti su Tassazione rendite finanziarie: gli obiettivi del governo Renzi inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    Commenti

    1. Franco dice:

      Fate sempre i conti del keiser: chi entra in borsa si assume un rischio altissimo….ci credo che paga meno.
      Visto che è così facile fare soldi e la tassazione così”vantaggiosa” perchè non ci mettere le pensioni della vecchietta? Siete buoni solo a dire reddito da lavoro si tassa così rendita finanziaria rende pomì….ma chi ha fatto sti guadagni stratosferici avendo fiat a 25 euro nel 2007 e ritrovandosela a 3,60 nel 2011 non ce lo mettete? Non capite un keiser: ma una cosa ve la dico. Alzate ancora le tasse sulle rendite come dice quel ganzo di Renzi e poi come avete fatto con le imprese alzerete gli occhi e direte: “uh? Come mai nessuno investe più in borsa italiana?”.
      Sempre stesso discorso: tasse, tasse, tasse.
      Tutto cià³ senza considerare minus valenze non compensabili dopo 4 anni, tobin tax che si paga anche se su operazioni in perdita, commissioni bancarie, tassazione giࢠpresente al 21%, e non è poco manco per keiser considerato che in un giorno puoi perdere percentuali enormi,bollo su conto deposito titoli: se è veramente così facile strano non ci mettiate i soldi no? Dai no? Domani andati ad aprire un conto deposito titoli e metteteci voi i vostri soldi…..no è?

    Commenta

    Your email address will not be published. Required fields are marked *