• OpenOffice.org: terza conferenza il 25 ottobre a Firenze

    plio.jpg

    Giunge al terzo appuntamento la Conferenza italiana di Openoffice.org: si terrà a Firenze il 25 ottobre nell’ambito di QuiFree, manifestazione del Festival della Creatività, che si terrà nel capoluogo toscano dal 26 al 29 ottobre.

    È la prima organizzata dall’associazione Progetto linguistico italiano Openoffice.org (Plio), un’associazione di volontariato senza fini di lucro che ha come scopo la promozione della versione italiana della suite open source per l’ufficio.

    Citando il sito del Plio:

    la conferenza sarà divisa in due parti. Nella prima verranno presentate una serie di relazioni sullo stato del progetto, durante le quali verranno sintetizzati i punti salienti della Conferenza Mondiale. Nella seconda verranno invece presentati casi di successo di adozione di OpenOffice.org.

    È un appuntamento imperdibile se si vogliono conoscere le persone che stanno dietro a OpenOffice.Org in Italia, persone che inseguono un ideale ormai non più tanto lontano, quello di un programma gratuito per la casa e per l’ufficio, capace di affrontare il futuro a testa alta grazie al formato ormai standardizzato Open Document Format (ODF).

    L’associazione PLIO è nata con lo scopo di prendere in mano la grossa eredità lasciata dai volontari che fino ad ora hanno svolto tutte le attività legate ad OOo, ma in quanto associazione ha la possibilità di ricevere dei contributi da parte degli enti e delle aziende che vogliono finanziare la crescita del software opensource.

    Tags:

    Se vuoi aggiornamenti su OpenOffice.org: terza conferenza il 25 ottobre a Firenze inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    Commenti

    1. Stefania dice:

      giusto per, io ci sono stata.
      L’organizzazione sinceramente lasciava un po’ il tempo che trovava, ma i contenuti c’erano eccome.
      ciao

    Commenta

    Your email address will not be published. Required fields are marked *