• Vuoi lavorare in Microsoft? Idee e considerazioni di Feliciano Intini

    felicianointini.png

    Continuiamo con le interviste ai responsabili della sicurezza delle principali aziende italiane di sicurezza e consulenza sul tema “offerte di lavoro”. Dopo Raoul Savastano di Ernst & Young ora è la volta di Feliciano Intini, Chief Security Advisor di Microsoft Italia e protagonista multimediale dei videoclip sulla sicurezza di bigM.

    Abbiamo chiesto a Feliciano Intini i segreti per candidarsi con successo in Microsoft Italia.

    Ciao Feliciano e grazie di essere di nuovo con noi. Ci sono opportunità professionali in Microsoft per chi lavora (o intende lavorare) in ambito ICT Security? Se sì che consigli dai a chi vuole diventare il prossimo Feliciano Intini (Feliciano Intini 2.0)?

    Ciao Manlio, grazie a voi, rieccoci! Beh, con un pizzico di modestia ti direi che diventare il Feliciano Intini 2.0 è un tantino impegnativo… ;-) ma in verità solo per la particolarissima combinazione di ruoli che ricopro, che mi danno la possibilità di impegnarmi sul tema sicurezza davvero a tempo pieno e da più punti di vista, sia da quello strategico che da quello del supporto ai clienti, quindi molto concreto e operativo. Chi sente e dimostra di avere il sacro fuoco della Security nelle vene è privilegiato per la selezione in ambito ICT Security, ma non è una condizione davvero vincolante, perché deve essere accompagnata da una passione molto allargata a tutta la tecnologia. Pur non avendo personalmente la visibilità diretta delle attuali opportunità, invito comunque a sottoporre le proprie candidature perché da noi il processo di selezione è costante.

    Come è l’ambiente di lavoro in Microsoft? Nel 2006 eravate al primo posto nella classifica the best place to work in Italia, nel 2007 al secondo posto, nel 2008 al terzo. Che succede?

    Forse non sono la persona migliore a cui fare questa domanda: quest’anno compirò i miei primi 10 anni in Microsoft, e quindi evidentemente adoro la magica combinazione che si crea in Microsoft Italia, un approccio multinazionale di un’azienda che crede nell’innovazione tecnologica come sua missione naturale e che conta sui talenti delle persone per raggiungere traguardi sempre più ambiziosi, arricchito dalla creatività e giovialità tipica di noi italiani… Per la classifica, è vero…, mi hanno detto che abbiamo perso ai rigori…:-):-)… e che si preferisce puntare alla scalata di un’altra classifica: “best place to play”, è meglio no? ;-)

    Chi naviga con Firefox e manda email con Thunderbird può candidarsi o e meglio che cerchi altrove?

    In realtà cerchiamo preferenzialmente proprio quelli,…ovviamente per vivisezionarli in laboratorio, debuggarli e riprogrammarli… ;-)

    Quali sono le caratteristiche personali e professionali richieste per lavorare in Microsoft?

    Passione smodata per la tecnologia (stare al passo con tutto quello che realizziamo è un’impresa impossibile), voglia e impegno all’apprendimento costante (l’unico modo per sopravvivere rispetto al punto precedente), professionalità sia nelle relazioni interne che con i clienti (è una multinazionale dall’organizzazione abbastanza complessa, che lavora con tante aziende davvero importanti).

    Nell’ambito della ICT Security quali sono i profili di carriera previsti?

    Di fatto corrispondono in buona parte con i profili che hanno una componente tecnica, che sono (nell’ordine di intervento sul ciclo IT): gli “evangelisti” di prodotto/tecnologia, la prevendita tecnica, la progettazione di soluzioni, il supporto tecnico per l’ottimizzazione delle soluzioni e quello per la risoluzione dei problemi. Come ho cercato di dimostrare con il mio personale Microsoft Security Portal, di tecnologie/soluzioni e prodotti in ambito security ora c’è davvero una vasta scelta, ed è una bella sfida governarli tutti in termini di competenze

    Microsoft investe nella formazione e crescita professionale dei suoi dipendenti e collaboratori?

    Tantissimo e offrendola con un insieme di modalità diverse: oltre ai classici corsi in aula (in giro per le varie sedi europee), c’è un evento annuale di aggiornamento tecnico a Redmond, corsi di tipo self-study online e off-line, podcast, oltre a un’Intranet sterminata per chi desidera il fai da te…

    È possibile fare esperienze anche all’estero?

    Assolutamente sì! Per alcuni profili può anche essere la norma per interi periodi, se il candidato si rende disponibile a viaggiare spesso o a trascorrere del tempo all’estero.

    Ma davvero non fate altro che pensare a quel che combina Google?

    Sinceramente, a giudicare da come si siano dati da fare durante il nostro tentativo di fusione con Yahoo, ho avuto l’impressione che siano a loro a essere preoccupati del nostro recupero… ;-)… personalmente credo che sia molto istruttivo per Microsoft una volta tanto non essere la prima della classe… aiuta a non adagiarsi sugli allori e a tirar fuori le energie e il carattere migliori… (ho fatto anche la rima…:-))

    Grazie Feliciano

    Grazie a voi

    Post correlati in questo blog

    Tags:

    Se vuoi aggiornamenti su Vuoi lavorare in Microsoft? Idee e considerazioni di Feliciano Intini inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    Commenti

    1. neMo dice:

      di chi gente ha bisogno la Microsoft? su cosa basa la selezione dei propri aspiranti? come è possibile contattarli x un eventuale colloquio? oltre alle caratteristiche indicati, di quali titoli di studio si ha bisogno?

    2. Franius dice:

      Essere un MCSA (o MCSE) aiuta?
      Specializzarsi in MCSA Security puo’ fare la differenza?

    3. Ciao neMo e Franius, ho approfittato del post in cui segnalo questa intervista sul mio blog per riportare qualche risorsa utile a dissipare i vostri dubbi:
      http://blogs.technet.com/feliciano_intini/archive/2008/07/10/si-pu-lavorare-in-microsoft-in-ambito-sicurezza.aspx

    Commenta

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *