• Pmi: come prepararsi al passaggio all’IPv6

    reti ipv6Internet cresce a ritmi vertiginosi e l’attuale protocollo Interner (IP) IPv4 non è più adatto a gestire una mole di utenti in crescita esponenziale. Se è vero che tra pochi mesi verranno esauriti gli ultimi blocchi di IP liberi, è anche vero che dovremo iniziare a pianificare il passaggio all’IPv6, il nuovo protocollo internet in grado di reggere con facilità  la crescita vertiginosa del Web.

    I vantaggi dell’IPv6 in ambito aziendale sono davvero tanti, ed è dunque auspicabile che le imprese, anche quelle più piccole, decidano di investire nella ristrutturazione della propria infrastruttura informatica.

    L’IPv6 garantirà  anche maggiore sicurezza grazie al supporto IPSEC integrato, migliore gestione del QoS e del routing.
    Inoltre, potendo contare su una quantità  quasi illimitata di IP, sarà  possibile assegnare ad ogni dispositivo un proprio IP, e dunque vedremo scomparire con molta probabilità  il NAT (Network Address Translation) visto che non sarà  più necessario tradurre gli indirizzi di rete.

    Dunque, l’introduzione dell’IPv6 rappresenta un tassello fondamentale per la crescita e sviluppo della rete, ma anche un’opportunità  di innovazione per le imprese; ma per chi non si fosse già  preparato, come comportarsi al momento del passaggio che, come detto potrebbe avvenire in tempi davvero molto brevi?

    I piccoli studi e aziende sicuramente non hanno ancora progettato di investire in nuove infrastrutture, anche perché non c’è ancora una grande offerta di soluzioni IPv6 Ready e sopratutto perché quelle che ci sono sono tutte abbastanza care!
    In ogni caso niente paura, il passaggio sarà  del tutto indolore, perché i provider già  da tempo si stanno preparando alla migrazione e già  oggi molti utenti viaggiano su rete IPv6 senza saperlo.

    Ovviamente, questo è possibile grazie ad alcuni accorgimenti come il tunneling, ma da quando l’IPv6 diventerà  operativo al 100% sarà  necessario iniziare a progettare una migrazione verso il nuovo standard.
    Il problema maggiore della migrazione, oltre al cambio di router e switch, riguarderà  comunque i software di terze parti che dovranno essere aggiornati, sempre che lo siano e questo potrebbe comportare spese notevoli per l’acquisto di nuove licenze.

    In ogni caso c’è tempo: sino al 2025, salvo cambiamenti, l’IPv4 e l’IPv6 coesisteranno tranquillamente.

    Tags:

    Se vuoi aggiornamenti su Pmi: come prepararsi al passaggio all’IPv6 inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    Commenta

    Your email address will not be published. Required fields are marked *