• Start up: il progetto Ri-Nascimento 3.0

    startupSi chiama Ri-Nascimento 3.0 e desidera essere una sorta di passaggio generazionale di conoscenze tra gli imprenditori affermati e le giovani start up in settori più o meno di nicchia.

    Un vero e proprio scambio di informazioni e di conoscenze tra le figure senior e quelle junior, recentemente presentata all’Hard Rock Cafe dal presidente di Confcommercio Firenze Jacopo De Ria, dal presidente dei Giovani Imprenditori Francesco Mereu, dall’assessore comunale allo Sviluppo economico Giovanni Bettarini e da Corrado Malacarne, direttore commerciale della Banca Federico del Vecchio.

    => Scopri tutti i finanziamenti alle Start up

    Ma come funzionerà il nuovo progetto? Sostanzialmente, alla base di tutto c’è l’esigenza, da parte dei giovani imprenditori, di poter attingere conoscenze e competenze da parte dei colleghi più esperti che, per l’occasione, elargiranno suggerimenti e consigli utili per favorire una rapida crescita delle start up.

    Non è d’altronde un caso che una rilevante fetta di start up “muoia” nell’arco del primo triennio di attività proprio a causa delle carenze di competenze gestionali e manageriali, o ancora perché vengono sottovalutate le risorse finanziarie necessarie, dimostrando gravi pecche in fase di budgeting.

    => Fallimenti imprese: il 50% chiude in 5 anni

    L’inesperienza si rivela dunque essere uno dei grandi “mali” delle start up. Un male non certo incurabile, grazie anche al nuovo progetto Ri-Nascimento.

    Per maggiori informazioni, consultare il sito internet della ConfCommercio di Firenze.

    Tags:

    Se vuoi aggiornamenti su Start up: il progetto Ri-Nascimento 3.0 inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    Commenti

    1. daniela campagnolo dice:

      Ritengo molto utile questo progetto di supporto alle starup. Vorrei segnalare che, a mio parere, anche nella pubblica amministrazione sarebbe necessaria una iniziativa simile. Intendo dire che noi operatori anziani spesso, andando in pensione, non abbiamo modo di incontrare per tempo neo assunti o sostituti a cui poter trasmettere informazioni utili da tanti punti di vista, come se l’esperienza sul campo, la sperimentazione, la storia ecc. non fossero tutti elementi conquistati con formazione, professionalità, ecc. Grazie dell’attenzione

    Commenta

    Your email address will not be published. Required fields are marked *