• Vodafone presenta la sua nuova Internet Key

    vodafone internet keyAlla data di oggi, sul post dello scorso anno relativo al lancio da parte di Vodafone della sua Internet Key sono piovuti oltre 400 commenti su come il servizio di banda larga mobile in questione non sia certamente performante. Un problema finito addirittura in Parlamento ma che non è ancora stato risolto definitivamente.

    Bene, in piena “tempesta” sulla qualità  delle sue connessioni mobili, Vodafone ha deciso di presentare la nuova Internet Key. Un prodotto davvero innovativo sotto alcuni punti di vista, speriamo solo che “funzioni”…

    La nuova Internet Key – la Huawei E180 – presenta dunque alcune novità  interessanti, la prima è il supporto totale alla tecnologia Plug and Play non solo per Windows ma anche per Mac Os X.

    Questo significa che la chiavetta si installerà  da sola una volta collegata al computer e cosa ancora più importante lo farà  anche sui prodotti Apple, che sino ad ora non erano ufficialmente supportati.

    Ma forse la vera trovata è l’inclusione di uno slot integrato per le memorie MicroSd. Avremo dunque la possibilità  di trasformare la nostra Internet Key in un piccolo Hd con supporto di memorie MicroSd sino ad 8Gb.

    Dunque, non dovremo più portarci dietro due o tre chiavette ma una sola. Intendiamoci, una chiavetta non occupa molto spazio, ma sicuramente molti troveranno la cosa molto pratica anche perché le memorie MicroSd sono usate in molti palmari e quindi la Vodafone Internet Key potrebbe diventare il “ponte” per trasferire dati da un palmare ad un pc.

    Oltre al programma di installazione nella chiavetta troveremo molte utility come un programma per la gestione del traffico, un programma per la gestione e l’invio di sms e molto altro ancora.
    Grande innovazione per un settore in pieno sviluppo, ma la domanda è: tutto bellissimo, ma la Vodafone saprà  garantire banda larga per tutti?

    Tags:

    Se vuoi aggiornamenti su Vodafone presenta la sua nuova Internet Key inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    Commenti

    1. Kaleu dice:

      Secondo quello che si legge in rete la E180 sarebbe una HSUPA 5.6mbit/sec o almeno una 5.6 ready. Vero anche per il modello commercializato da Vodafone? Si tratta inoltre di un device che puo lavorare anche con altri provider o bloccato? Rispetto alla E172 sembra avere in piu solo la USB pieghevole.

    2. Paolo dice:

      riporto uno stralcio di un articolo che spiega la verità  sulla chiavetta della vodafone:

      Parlando di traffico flat, qui interviene un´ulteriore misura che deve far riflettere. Non si pensi, ad esempio, di impiegare la formula contrattuale Internet Facile Senza Limiti per utilizzare un PC acceso tutto il giorno a scaricare dati da Internet tramite BitTorrent o E-mule: il traffico generato sarebbe molto elevato e con certezza quasi assoluta farebbe scattare la clausola presente sul sito, piuttosto chiara ma di dubbia trasparenza, che dice:

      Al fine di evitare fenomeni di congestione della rete e per garantirne l´integrità , consentendo l´accesso contemporaneo da parte di tutti i clienti ai servizi di connettività , Vodafone si riserva il diritto di verificare l´eventuale utilizzo anomalo del servizio e di sospenderne in tutto od in parte l´erogazione, applicando, ove necessario, meccanismi temporanei e non discriminatori di limitazione all´uso continuativo e/o intensivo delle risorse di rete disponibili.

      Letta in termini più concreti, questa formula significa che un eccessivo volume di traffico e, soprattutto, una sua presenza prolungata nel tempo a carattere continuativo farebbe scattare un meccanismo «di tutela», il cui effetto è quello di intervenire limitando o – forse – vietando ulteriore traffico. In altre parole, Vodafone annuncia la effettiva presenza di una sorta di cap, cioè un limite al di quà  del quale l´impiego della sua risorsa viene considerato nell´ambito del fair use, dunque «legittimo», ma al di là  rischia di provocare il blocco del servizio.

      La scarsa trasparenza consiste nel non dichiarare apertamente il valore di traffico a cui tale cap scatterebbe, nel non descrivere il meccanismo di non-discriminazione e nel non indicare esattamente cosa si intende per temporanei. Vale a dire, se Vodafone, ad esempio, dichiarasse: “il massimo traffico consentito è 50 Gigabyte/mese, superato il quale si viene limitati in banda passante a 640 Kbps per dieci giorni e, al perdurare del traffico continuo, la connettività  viene bloccata sino al mese successivo”, avrebbe dato chiare indicazioni sui limiti di traffico e temporali. Per contro, un contratto così descritto non si potrebbe definire in alcun modo flat.

      fonte: http://nbtimes.it/prime/933/vodafone-internet-key-flat-attenzione-ce-la-condizionale.html

      maggiori info: http://lab.vodafone.it/forum/forums/show/13.page

    3. Gaspare dice:

      Ciao a tutti, valutando la mia personale esperienza con Internet Key e leggendo su altri forum di decine di utenti che hanno avuto analoghi problemi, Vi consiglio di non sottoscrivere alcun abbonamento vincolante per 24 mesi con pagamento di penale per recesso anticipato con VODAFONE. Tale avvertimento è doveroso da parte mia, in quanto il suddetto gestore, in fase di stipula di contratto, non avverte mai il cliente che oltre ad avere un limite di tempo (10 ore al giorno, 100 ore al mese ecc.), ha anche un limite (non bene quantificato) di traffico dati. Infatti se l’utente, sfruttando per intero il proprio abbonamento sta collegato ad esempio 10 ore al giorno effettuando un traffico notevole (ma non quantificato) di scambio dati, viene immediatamente bloccato da Vodafone con l’applicazione di un protocollo di restrizione della banda fino ad un massimo di 30 kb/s denominato “network cap”. La cosa grave è che la vodafone non ti avverte del blocco che ti impone, ne del motivo, ne quanto dura. Io ad esempio sono bloccato a 30 kb/s dal 15 dicembre 2008. Pertanto vi do un consiglio, NON FATE ABBONAMENTI VINCOLANTI CON VODAFONE, piuttosto usate sim ricaricabili di altri gestori. Spero di esservi stato d’aiuto.

    4. io sono bloccato da una settimana a 50 kb,dopo che per 2 anni sono sempre stato nei limiti consenstiti e non sono mai arrivato a fare le 100 ore!!navigare a questa velocita’ mi sta’ facendo uscire di testa!mi e’ successo durante le feste….mi sono messo a vedere film in streaming (3/4 al giorno)ma che cazzo!!!!!!non sono neanche padrone di far quel che cazzo mi pare durante le feste……pago 30 euro al mese per un servizio di merda!!forse verro’ censurato per queste parolacce…ma sinceramente non me ne frega una sega!!in 2 mesi ho avuto la bellezza di 22 disconnessioni con la ricezione massima!!2 anni di calvario!!mi scade il contratto il 31 gennaio e mancano solo 20 giorni……….quindi posso dire tranquillamente…..VODAFONE VAI A FARE IN CUUUUUUUUULLLLLLLLLLLLOOOOOOOOOOO!!!!!

    5. Gaspare dice:

      Ciao, ti consiglio di inviare la disdetta con raccomandata A/R, altrimenti è previsto il tacito rinnovo per altri 2 anni, la disdetta andrebbe mandata almeno 30 giorni prima della scadenza (Legge 40/2007 Bersani).
      Addirittura il nuovo contratto, modificato recentemente da Vodafone, prevede, trascorsi i 24 mesi che la disdetta sia mandata con un anticipo di 60 giorni.
      Spero di essere stato utile, ciao!!!

    Commenta

    Your email address will not be published. Required fields are marked *