• Strategie di marketing: cellulari sì o cellulari no?

    schermocellulare.jpgInternet sul cellulare, film sul cellulare, televisione sul cellulare. In poche parole, cellulari: ultimamente non si parla d’altro. E pare che anche i luminari del marketing se ne siano resi conto.

    Così, sarà  per via del successo dell’iPhone (un milione di pezzi venduti e interesse anche da parte delle aziende), sarà  perché non solo in Italia è scoppiata la mobile-mania, sta di fatto che negli ambienti del marketing si sente discutere sempre più spesso di pubblicità  sui cellulari e sui dispositivi mobili.

    Sia chiaro: niente di così innovativo per noi italiani, già  abituati ai vari messaggi pubblicitari – spesso non richiesti – che i nostri operatori mobili ci inviano anche troppo di frequente. Ma all’estero sembrano crederci molto.

    Gli studi di ricerca fanno a gara per dipingere scenari esaltanti (il più recente parla di 1,4 miliardi di investimenti previsti nel 2012), Google mette le mani avanti e presenta un sistema di pagamento via cellulare (Gpay). Ma questa pubblicità  sui cellulari è davvero tutta questa manna dal cielo? Io credo di no, e vi spiego perché.

    C’è una cosa che ha reso i dispositivi mobili così tanto di successo: la loro praticità  e “velocità ” d’uso. Non è un caso che – non solo in Italia – uno dei servizi mobili più utilizzati dai consumatori sia quello degli SMS. Short Message System: messaggi “brevi”, che costringono l’autore a esprimersi in maniera concisa.

    E non è un caso neppure che altri servizi – più avanzati – fatichino a decollare. Come il consumo di film e spettacoli televisivi sullo schermino del cellulare, di cui ho accennato sopra: troppe complicazioni. Chi invece possiede un cellulare – anche se ultratecnologico e pieno di funzioni inutilizzate – non ama complicarsi la vita.

    Come potrebbero avere successo, a queste condizioni, le pubblicità  sui dispositivi mobili? Troppo poco spazio su cui lavorare, troppo poco tempo da perdere: è molto difficile che l’advertising possa rientrarci senza risultare fastidioso o irritante per gli utenti.

    C’è il rischio, insomma, che le pubblicità  “mobili” sortiscano l’effetto contrario a quello voluto: anziché invogliare il consumatore ad acquistare il prodotto, si finisce per far diventare l’azienda “disturbatrice” antipatica.

    Un rischio che le piccole e medie imprese non possono correre. Anche se i costi contenuti di questo tipo di soluzioni potrebbero, all’apparenza, suonare come il canto di una sirena.

    Tags:

    Se vuoi aggiornamenti su Strategie di marketing: cellulari sì o cellulari no? inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    Commenta

    Your email address will not be published. Required fields are marked *