• Dropbox sotto attacco: password rubate

    Dropbox

    Dropbox è stato vittima di un attacco hacker che ha causato diversi danni e il furto di dati sensibili degli utenti. La conferma è arrivata direttamente dal blog ufficiale del servizio di file hosting: spiegati anche i dettagli dell’attacco.

    Dropbox ha riferito che nomi utente e password sottratte tramite siti Web terzi sono state usate per accedere a un ristretto numero di account, che risultano quindi violati.
    Violato anche l’account di un dipendente, da cui è stato rubato anche un documento riservato nel quale erano memorizzati gli indirizzi email degli utenti.

    Secondo Dropbox, l’obiettivo finale dei cyber criminali è perpetrare attacchi spam, senza conseguenze per la sicurezza degli utenti ma con il risultato di creare comunque un disagio agli iscritti. Il rischio potrebbe essere quindi quello che gli utenti si vedano recapitare dei messaggi spam a nome Dropbox, come già segnalato in un recente passato da alcuni internauti.

    Per evitare che simili problemi possano ripetersi in futuro Dropbox ha assicurato l’intenzione di implementare delle misure che segnalino al team tutte le attività sospette, con l’aggiunta di una nuova pagina in cui visualizzare gli accessi di ogni account e un nuovo sistema di autenticazione più complesso con l’aggiunta di due passaggi, in modo tale da rendere più difficile l’accesso non autorizzato ai profili degli iscritti.

    Se vuoi aggiornamenti su Dropbox sotto attacco: password rubate inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    Commenti

    1. La cosa maggiormente preoccupante è data dal fatto che al giorno d’oggi Dropbox è accolto come servizio cloud di sincronizzazione di gran parte dei password managers, sia su desktop sia mobile… Credo ci sia poco da fare: o si provvede a sistemare la sicurezza di queste strutture una volta per tutte (anche se l’attacco resta dietro l’angolo) o c’è il forte rischio che tutti questi programmi che si appoggiano a Dropbox per funzionare abbandonino il servizio, a mio parere ancora molto interessante.

    Commenta

    Your email address will not be published. Required fields are marked *