• Facebook: due applicazioni potrebbero rappresentare un pericolo

    Nel giro di una settimana si sono diffuse a macchia d’olio all’interno di Facebook due applicazioni che risultano essere molto invasive per la privacy degli utenti e che in un prossimo futuro, secondo gli esperti, potrebbero rappresentare un vero e proprio pericolo per chi le ha installate o le utilizza.

    Si tratta di due applicazioni chiamate “The Error Check System” e “Facebook closing down“. Entrambe mirano ad accumulare quanto più possibile utenti iscritti nascondendo molto probabilmente degli scopi non ancora chiari ma quasi sicuramente pericolosi.

    La prima delle due Web application si attiva dietro una nostra esplicita richiesta, dopo che un falso messaggio ci avvisa dell’impossibilità, da parte di un nostro amico, di vedere il nostro profilo personale.

    Si viene invitati a visitare una pagina nella quale dovrebbe essere contenuto il messaggio di errore che secondo l’avviso riscontra il nostro amico. Una volta entrati all’interno del falso link che nasconde proprio l’iscrizione all’applicazione, The Error Check System controlla tutte le nostre informazioni di profilo e consiglia di fare in modo che anche gli amici verifichino lo stesso tipo di falsi errori.

    Facebook closing down, invece, avvisa l’utente di una fantomatica violazione dei termini e delle condizioni di servizio, invitando il malcapitato iscritto a visualizzare un link per vedere il testo esatto esplicativo del messaggio. L’applicazione in realtà non farà altro che raccogliere i nostri dati personali.

    Attualmente le due applicazioni non costituiscono un veicolo di malware, ma sono pur sempre un potenziale rischio per la nostra privacy e per la corretta riservatezza dei nostri dati personali.

    Tags:

    Se vuoi aggiornamenti su Facebook: due applicazioni potrebbero rappresentare un pericolo inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    Commenta

    Your email address will not be published. Required fields are marked *