• Enterprise Europe Network: fare “sistema di imprese” nella Ue

    Enterprise Europe Network: fare "sistema di imprese" nella UeE’ entrata in funzione la nuova rete al servizio delle imprese, Enterprise Europe Network.
    Lanciata nel 2008 dalla Commissione Europea, la EEN è il naturale sviluppo delle reti Innovation Relay Center e Euro Info Centre, create nel 1995 e nel 1987.

    La rete EEN conta circa 600 nodi costituiti da organizzazioni partner locali in più di 40 paesi, impiega 4000 consulenti per promuovere e comunicare la cultura della competitività  e dell´innovazione a livello locale in Europa e non solo.

    I partner della rete si sono strutturati in consorzi di qualificate organizzazioni regionali come: i centri di trasferimento tecnologico, le agenzie di sviluppo regionale, i centri di ricerca, le camere di commercio e centri tecnologici universitari.

    Punto di forza della EEN è la sua capacità  di fornire servizi e consulenze per innovazione tecnologica, internazionalizzazione, trasferimento tecnologico e supporto per la partecipazione ai programmi finanziati dall’Unione Europea.

    La rete si prefigge l’ambizioso obiettivo di internazionalizzare una cultura d’impresa capace di creare sinergia tra tutti gli attori che lo compongono: imprese, centri di ricerca e università .

    Il set di servizi offerti, tra l’altro, è stato studiato in modo specifico per le esigenze delle piccole e medie imprese che desiderano trasformare le proprie caratteristiche strutturali come la flessibilità  e snellezza, in un know-how tecnico maturo, soprattutto in ambito ITC.

    Se vuoi aggiornamenti su Enterprise Europe Network: fare “sistema di imprese” nella Ue inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    Commenti

    1. La novità  è senz’altro importante, ma non si sovrapporrà  ad altre strutture simili già  esistenti a livello regionale, provinciale e locale?
      Seguirà  le necessità  di delocalizzazione inversa delle imprese (ritorno) più di quelle legate alla delocalizzazione delle stesse? Si sa già  quali siano gli indicatori in base ai quali verranno misurati i risultati prodotti? e se si, quali sono gli indicatori economici?
      Grazie e arrivederci

    Commenta

    Your email address will not be published. Required fields are marked *