• Beni ai soci, la nuova normativa

    beni-ai-soci.jpg L’Agenzia delle entrate ha emanato recentemente un provvedimento direttoriale relativo alla trasparenza sui beni ai soci. Oggetto dello stesso sono le modalità  e i termini di comunicazione dei dati relativi ai beni di cui un’impresa dispone che sono concessi a soci e familiari.

    Secondo il provvedimento di tutti i soci o i familiari che hanno ricevuto in godimento beni di proprietà  dell’impresa devono essere inviati all’Agenzia i dati anagrafici. Oltre alle generalità  vanno trasmessi anche i riferimenti relativi a tutti i beni (autovetture, aeromobili, immobili e altro) con un valore superiore ai 3.000 euro al netto dell’Iva. L’obbligo di comunicazione può essere assolto dall’impresa o dal familiare dell’imprenditore e vale anche quando i beni sono dati a soci di società  appartenenti al medesimo Gruppo.

    Nel dettaglio, le voci da inviare sono: codice fiscale, dati anagrafici e stato di residenza per le persone fisiche; codice fiscale, denominazione e Comune del domicilio fiscale per i soggetti diversi dalle persone fisiche. Relativamente al bene, vanno comunicati tipologia di utilizzazione, tipologia del contratto con in aggiunta identificativo e data di stipula, categoria, durata della concessione, corrispettivo e relativo valore di mercato. Inoltre va fatta comunicazione anche di eventuali finanziamenti e capitalizzazioni nei confronti dell’impresa concedente.

    La comunicazione, obbligatoria per tutti coloro che esercitano attività  d’impresa, può avvenire tramite il consueto procedimento telematico (Entratel o Fisconline). La scadenza per l’invio è fissata al 31 marzo dell’anno successivo a quello del periodo d’imposta in cui i beni sono concessi. Quindi, relativamente all’anno in corso, la data ultima è il 31 marzo 2012.

    Tags:

    Se vuoi aggiornamenti su Beni ai soci, la nuova normativa inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    Commenti

    1. LA SCADENZA DEL 15/10/2013 SARA’ RINVIATA?
      I PROFESSIONISTI SONO TENUTI ALL’INVIO?

    Commenta

    Your email address will not be published. Required fields are marked *