• Liguria, venture capital e prestiti partecipativi a sostegno delle Pmi

    966146_20_euros-240-x-180.jpgAttraverso uno stanziamento di 21 milioni di euro già  approvato (al quali se ne aggiungerà  un altro da 9 milioni con la manovra di assestamento), la Regione Liguria ha iniziato il processo di attivazione di strumenti finanziari di sostegno alla nascita e alla crescita delle piccole e medie imprese operanti sul territorio.

    Per rispondere alla domanda di liquidità  delle imprese, troppo spesso in difficoltà  nell´accedere ai canali di credito tradizionali e sotto-capitalizzate, si è scelto di adottare strumenti finanziari alternativi ai tipici contributi statali concessi in conto capitale o conto interessi o ai finanziamenti a tasso agevolato.
    Identificando nell´adeguata patrimonializzazione delle Pmi una operazione strategica al fine di favorire lo sviluppo regionale, la Liguria ha deciso di creare due strumenti finanziari:

    - Un Fondo per prestiti partecipativi, avente una dotazione iniziale di un 1 milione e 184 mila euro (destinata a salire fino a 7 milioni).
    Attraverso esso, verranno concessi, a condizioni di mercato, i cosiddetti prestiti partecipativi. Si tratta di strumenti a medio termine (solitamente a 5 anni) aventi la peculiarità  di coinvolgere i soci dell’azienda, condizionandone l’erogazione ad un loro impegno ad aumentarne la capitalizzazione.
    Lo stesso Avviso Comune firmato lo scorso anno dall´Associazione bancaria italiana, organizzazioni industriali e Governo per introdurre la moratoria sui debiti delle Pmi, ha esplicitamente promosso l’introduzione di strumenti finanziari dedicati ai processi di ricapitalizzazione.

    - Un Fondo mobiliare riservato di tipo chiuso destinato ad investire nel capitale di rischio di Pmi avviate con fabbisogni di cassa per sviluppare il proprio mercato.
    Il fondo, avente una dotazione di 20 milioni di euro, opererà  attraverso acquisizioni di partecipazioni significative, in ottica di medio/lungo termine, effettuate da un operatore specializzato al fine di sviluppare l’impresa, creare valore e realizzare un “capital gain” in fase di dismissione.

    Spetterà  alla Finanziaria della Regione Liguria (Filse) individuare un soggetto gestore per il primo fondo ed una società  di gestione del risparmio per il secondo.
    I soggetti selezionati saranno chiamati a garantire un co-finanziamento pari ad almeno il 50% del valore complessivo dei fondi.

    Tags:

    Se vuoi aggiornamenti su Liguria, venture capital e prestiti partecipativi a sostegno delle Pmi inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    Commenta

    Your email address will not be published. Required fields are marked *