• Le carenze di Microsoft Office 2010

    Indecisi se passare al nuovo Office 2010 oppure optare per una suite alternativa gratuita? Prima di prendere la vostra decisione è bene considerare vantaggi e svantaggi di ogni possibile scelta. Delle caratteristiche e delle innovazioni introdotte nel nuovo pacchetto Microsoft abbiamo già discusso ampiamente in una serie di post. pubblicati nei mesi scorsi. Per quanto riguarda invece quelle che sono le sue lacune, risulta utile affidarsi a un’analisi comparsa sulle pagine di ZDNet.

    Secondo Mary Jo Foley, che ha scritto l’articolo spinta dalla segnalazione di un suo lettore, ci sarebbero alcuni punti sui quali l’azienda di Redmond dovrebbe tornare, con lo scopo di rendere davvero completo e competitivo il suo prodotto. Uno di questi riguarda la mancanza di alcune funzionalità promesse in Office Web Apps, la suite online pensata a hoc per rispondere a Google in tema di condivisione dei documenti e collaborazione online.

    Ancora nessuna traccia nemmeno del plugin per connettere il profilo Facebook a Outlook, inizialmente annunciato per la prima metà del 2010 e rimandato poi a una non meglio precisata uscita entro la fine dell’anno.

    Più grave, anche per la modalità con la quale è stato escluso da alcune tipologie di contratto, è l’assenza del Business Contact Manager per le aziende che non acquistano più licenze. Lo strumento è stato migliorato e dotato di una nuova e più intuitiva interfaccia, ma come segnala il sopraccitato lettore di ZDNet, al momento non è disponibile per piccole realtà professionali come la sua, che si vedono così private di una funzionalità altrimenti molto utile. Interrogato a tal proposito, un portavoce Microsoft ha comunque confermato l’intenzione di estenderne il rilascio a tutti i tipi di licenza, ma non specificando un termine temporale perché ciò avvenga.

    Tags:

    Se vuoi aggiornamenti su Le carenze di Microsoft Office 2010 inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    Commenti

    1. Roberto dice:

      Il problema maggiore delle applicazioni Office 2007 sarà lo stesso do office 2010, lo adoperano pochi tra i comuni mortali.
      Dei miei contatti il 76% non riesce ad aprire gli allegati word 2007, tanto che devo inviarli in word 2003, figuriamoci poi nel nuovo sistema!

    2. Wpae dice:

      @Roberto
      “figuriamoci poi nel nuovo sistema!”
      Che significa? Office 2007 legge i documenti del 2010…

    3. Emanuele dice:

      Premessa, Office 2010 è un buon prodotto anche se la versione 2010 porta qualche piccola migliora in più di Office 2007.
      A mio avviso le lacune sono altre come la mancanza di alucne funzionalità, non vedo un problema la mancanza del componente Facebook, visto che spesso outlook e office 2010 si usa in ambito lavorativo e quindi l’uso di facebook non è determinato o importante.
      A mio avviso, quel post su ZD, non dice nulla, mancano vere e proprie funzionalità che dovrebbero ottimizzare il lavoro, per chi usa questo prodotto in ambito lavorativo.
      In Italia, l’utilizzo di applicazione on line è ancora troppo presto, visto che nelle PMI (ed anche grandi) sono più flessibili con applicazioni client/server, che applicazioni come office web apps e cloud, un ambito ancora molto lontano per il nostro paese.

    4. Wpae dice:

      Scusami, e quali sarebbero queste mancanze?
      Non ne hai citata neanche una…

    5. Emanuele dice:

      Il mio non voleva essere un commento provocatorio, ma solo un commento che apra un confronto pacifico e costruttivo.
      Sono tante, se le dovessi elencare starei qui fino alla fine del mese.
      Eccone alcune:
      A) la gestione dei file PDF (formato molto diffuso)
      B) la possibilità della gestione dei file retro, nel senso che un file creato in formato office2007 non è visibile con la versione precedente, stessa cosa con la 2010.
      C) la gestione di altri formati non Microsoft.
      D) Possibilità di gestire in forma semplice, apparrecchiature hardware particolare (lettori a barre, generazioni di particolari moduli con lettura, ciò che infopath ancora non fa, ed altro ancora), il tutto senza utilizzare terze parti o crearsi dei componenti appositi.
      E) possibilità di autoaggiornamento come di modelli (per esempio per Excel, la possibilità di avere una voce di menu, nella quale visualizzare una finstra con modelli utili (fattura, contratti di lavoro, ecc) ) scaricati tramite avviso, dalla rete MS o dalle community, come dire più aperta al pensiero community.
      F) l’elenco potrebbe continuare ….

    6. Wpae dice:

      Il mio commento non voleva assolutamente essere un’accusa, anzi, sono un sostenitore della critica costruttiva.
      A) Per il salvataggio dei file PDF è disponibile gratuitamente un plugin Microsoft.
      B) I file Office 2010 sono visibili a Office 2007, ma non a Office 2003. Tuttavia c’è sempre la possibilità di salvare nel formato compatibile.
      C) Office gestisce anche i formati Open utilizzati da OpenOffice (principalmente). Non conosco altri formati diffusi di documento.
      D) Sarebbe senz’altro un lavoro oneroso. Purtroppo non utilizzo nessuno di questi dispositivi quindi non conosco le reali necessità.
      E) Non ho capito cosa intendi…
      F) Office 2010 resta comunque la migliore suite sul mercato.
      Che dir si voglia Open Office, iWork e quant’altro non sono assolutamente al livello di MS Office.

    7. Emanuele dice:

      Ciao Wpae, mi fa piacere leggere il tuo commento e scambio di pensieri (sul mio blog trovi anche l’indirizzo email, se vuoi puoi scrivermi tranquillamente).
      Quando parlo di software in ambito business (ma a volte anche in ambito domestico) intendo il suo utilizzo non come prodotto a sè, ma come strumento per migliorare il proprio lavoro. In fondo considero l’informatica uno strumento per il miglioramento dei processi lavorativi.
      Rispondo per punti.
      A) La gestione non intendevo solo creazione (che il componente conosco) ma modifica, ed altre operazioni che ad oggi non sono consentite.
      B) il ben 70% degli utenti ha office 2003 e versione precedenti, quindi se per sbaglio viene fatto un salvataggio in formato 2007 o superiore ci sono problemi. Considera che alcuni utenti, in ambito lavorativo, non sono preparati come noi (vedi i dottori, gli infermieri) e quindi possono “distrattamente” salvare in office 2007 che poi se viene inviato ad altri enti, non è più visibile. Grave errore, che quelli di MS avrebbe dovuto evitare.
      C) magari fosse come si dice. Ti parlo per esperienza, qualche giorno fa, presso un ente pubblico importante mi è successo che un utente non riusciva ad aprire un .doc, in pratica visualizzava tutti i caratteri strani, ho fatto varie prove con office 2003 ed office 2007 (lavoro come sviluppatore ed ho diverse versione di office) niente.
      Così ho utilizzato il mio ottimo open office portatile (che trovi nel blog e ti consiglio di scaricare) copiato, ripeto copiato e non installato, sul pc della persona interessata, che è riuscita ad aprire con Write il file .doc, e salvarlo in formato .doc.
      Ho chiesto ad Antonio, colui che ha fatto open office portatile e mi ha detto che a volte capita (anche lui in ambito di PA) che office si impattina con i vari formati, tra cui anche i suoi :-((( . Questa è realtà appurata pochi giorni fa.
      Che succedeva se non avevo open office portatile? semplice, in quell’ufficio, sarebbero rimasti giorni, ripeto giorni fermi, perchè l’altro ente, avrebbe dovuto rimandare il file, rifare il tutto e verificare. Insomma 10 minuti di open office hanno salvato una pratica e giorni di fermo.
      Quindi…
      D) ci sono altri software sempre a pagamento e sempre di suite per office automatice (per ufficio chiamalo) che fanno ciò, create da aziende medie e grandi, quindi…
      E) In parole semplice, oggi molti pc sono collegati alla rete, ogni tanto office e windows fornisco in maniera automatica gli aggiornamenti, ok? aggiornamenti sulla sicurezza.
      Sarebbe interessante, (ma prima o poi lo faranno, perchè si sa, mamma MS arriva sempre dopo) se di volta in volta, viene indicato all’utente che ci sono nuovi aggiornamenti di modelli.
      In questo modo, l’utente potrà scaricare i nuovi aggiornamenti che possono interessargli, modelli per .doc (vedi lettere di presetnazione, per esempio) modelli per .excel (vedi fatture ed altro) ecc. Proprio come succede con alcuni prodotti a pagamento e gratuiti.
      F)Si, è vero, è il miglior prodotto, anche visto il prezzo. Utilizzo spesso per lavoro (anche a livello di programmazione ) office, e sul mio blog, come avrai notato ho inserito alcuni articoli e trucchi, tra cui anche materiale su Infopath (sempre MS) che in Italia non si trova.
      Quindi, la mia non è una crociata, ma solo un modo per far chiarezza.
      Open office è un buon prodotto, che consiglio a molte persone, quando nel palazzo, o nel negozio mi chiedono consiglio.
      A volte, al vicino o quello del palazzo accanto, gli serve un semplice programma di video scrittura, per fare cv o per altro, ed in questo caso open office va molto bene.
      Calcola che un ben 90% delle persone utilizza office non in maniera legale, anche perchè non conosce open office.
      Consiglio sempre a coloro che non vogliono supportare una spesa, e vogliono software gratis, open office portatile, e credimi, dopo che lo hanno usato, sono molto contenti.

    8. Wpae dice:

      Non metto in dubbio che si possa utilizzare OpenOffice ed esserne soddisfatti. Anch’io, che mi trovo spesso su Linux, lo utilizzo.
      E’ evidente che abbiamo diverse esperienze nell’utilizzo di Office, io non ho mai avuto problemi simili, forse anche perchè non lo utilizzo molto spesso.

    9. Wpae dice:

      Sicuramente non metto in dubbio ne l’utilità ne il fatto che si possa essere soddisfatti di OpenOffice. Anch’io, trovandomi spesso su Linux, lo utilizzo, ma Office mi è molto più comodo.
      Finora ho visto ben poche aziende/enti che disponessero di Office 2007 e quelle poche non avevano grandi problemi.
      Tuttavia, è evidente che la tua esperienza in questo campo supera di gran lunga la mia.

    10. stefano dice:

      Io trovo che una pecca abbastanza grave sia l’impossibilità di salvare varie versioni di uno stesso file. Ci si trova spesso nella situazione di dover mantenere varie fasi di avanzamento di uno stesso documento, sarebbe comodo poter salvare nello stesso file queste versioni

    11. Alessio dice:

      Pecca in Outlook 2010: impossibilità di incollare, con il tasto destro, un link di feed/rss quando lo si vuole aggiungere all’elenco.

      Saluti

    12. Rino dice:

      Uso OFFICE 2010, ma i documenti che mi arrivano in OUTLOOK siano word excel o altro non sono apribili, devo salvarli e poi togliere il blocco.
      E’ possibile una soluzione più rapida.
      Saluti

    Commenta

    Your email address will not be published. Required fields are marked *