• E-mail minatorie: il comunicato della Polizia Postale

    spam_tastiera.png

    Qualche giorno fa vi avevamo informato di una nuova minaccia di spam molto pericolosa, nella forma di un’e-mail minatoria che ultimamente sta acquistando popolarità tra gli spammer.

    In particolare si trattava di una mail inviata da un mittente indicato sotto il nome di Carlo Montorsini, che metteva in guardia l’utente, puntando il dito verso dei fantomatici file scaricati illegalmente e presenti nel computer della vittima.

    All’ignaro utente veniva consigliato vivamente di auto-denunciare la propria estraneità alla vicenda, per evitare l’insorgere di pericoli ancora più gravi dato che, diceva l’e-mail, la casella di posta dell’utente era sotto controllo da un bel po’ di giorni.

    Ovviamente è tutto falso e, per quanto gli internauti un po’ più esperti si possano stupire che qualcuno possa cadere nella trappola, sicuramente molti utenti ancora alle prime armi e timorosi di possibili conseguenze legali ci saranno cascati.

    E adesso un comunicato della Polizia Postale apre un nuovo capitolo nella vicenda. Viene spiegato cosa accade realmente aprendo quel link incriminato:

    Invece di verificare se il proprio nominativo compare in una presunta lista di indagati, in realtà il servizio avvia un programma che installa sul PC codice malevolo

    Inoltre nel comunicato viene spiegato che esistono due versioni leggermente diverse dello stesso testo in circolazione. Nella prima versione si consiglia di compilare l’inesistente modulo in un link esterno, che farà appunto scaricare il malware; nella seconda invece si invita l’utente a scaricare un file zippato, che ovviamente contiene lo stesso codice malevolo.

    La Polizia Postale inoltre fa notare che per comunicazioni di questo tipo l’utente non viene certo contattato via posta elettronica, e ovviamente sarebbe il colmo se venisse chiesto di compilare dei moduli per dichiararsi estranei alla vicenda.

    Insomma, un mix di informazioni senza senso che forse dovrebbero mettere in guardia anche gli utenti che si sono avvicinati da poco al mondo dei computer, di Internet e della posta elettronica.

    Tags:

    Se vuoi aggiornamenti su E-mail minatorie: il comunicato della Polizia Postale inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    Commenti

    1. gian marco dice:

      Questi articoli aiutano ….grazie. Ottimo

    2. Uno degli scopi di questo blog è anche questo: informare gli utenti delle eventuali truffe presenti sulla rete, per un’informazione più accurata e sempre al servizio di chi ci legge.
      Grazie a te per l’apprezzamento del nostro lavoro :-)
      Ciao.

    3. Marianela Franco Herrera dice:

      Sono stata vittima di una truffa per internet, me hanno enviato una Mail dove mi proponevano un lavaro da svolgere da casa per una dita straniera il nome della dita era la PLASMACELL, la lettera diceva che loro si ocupavano di vendere pannelli solari e che io dovevo ocuparmi di dare informazione ai clienti in italia sul loro prodotto alla fine ho mandato i miei dati personali poi ho fatto delle domande e loro me hanno risposto poi verso la fine di agosto me hanno detto che comminciavo a lavorare per loro e che il lavoro consistia en ricevere dei bonifici bancari e che dovevo enviarlo al indirizo che loro dicevano, allorora il 26 d’agosto ho ricevuto un primo bonifico di 2950 euro, me hanno mandato le indicazione di cosa dovevo fare e quindi mandare per westeonion i soldi e ritenere il 8% che era il mio guadagno, io non pensavo che c’era niente di male perche non perdevo dei miei soldi anzi guadagnavo allora l’ho fatto ho mandato i soldi restante, poi me hanno mandato un secondo bonifico di 3950? che la banca a blocato e dopo 5 giorni la banca me ha detto che non potevano darme il soldi perche c’era una denuncia, la persona che ha fatto il bonifico dice che non ha autorizato quel bonifico e anche il primo bonifico la persona dice la stesa cosa, adeso ci sono le indagine, io in tanto ho fatto una denuncia facendo luce a tutto lo che è succeso dando fotocopia di tutte le Mail che me hanno enviato cominciando per la prima lettera di offerta di lavoro, io adeso sono molto nelvosa perque non so cosa mi puo sucedere, non so ne anche di cosa si trata, non conosco le persona che hanno fatto il bonifico e non ho visto queste persone che me hanno oferto il lavoro perche dicevano che erano degli stati unite, cosa devo fare dateme un consiglio, perche i carabinieri me hanno detto che non depende da loro e che dovevo aspettare, sono straniera ho 36 anni e ho 3 figli piccoli non lavoro perche ho un bambino di 6 anni che è autistico

    4. Ciao Marianela, mi dispiace tantissimo per quello che ti è capitato.
      Non bisogna mai fidarsi di chi promette lavoro e guadagni così facili, perché dietro c’è sicuramente un trasferimento di fondi illegale.
      Comunque stai tranquilla, perché truffe del genere purtroppo sono all’ordine del giorno in tutti i Paesi del mondo e quello che dovevi fare necessariamente (la denuncia) l’hai già fatto. Le indagini della polizia postale riusciranno sicuramente a rintracciare i colpevoli e tu non corri alcun rischio.
      Tantissimi auguri per il tuo futuro.

    5. enzo dice:

      o dei seri problemi voglio denunciare una frode. come posso fare e soprattutto a chi mi posso rivolgere?
      in poche parole anno violato i miei dati personali e aperto siti web con il mio domigno e con i miei dati personali

    6. Ciao Enzo. Puoi rivolgerti al più vicino ufficio della Polizia Postale della tua città. Fai una denuncia e loro effettueranno le necessarie indagini.

    7. pietro dice:

      Ciao, prima di tutto molto interessante questo articolo sulle frodi.
      io non sono un utente esperto ma neppure un “utonto” come si dice volgarmente. Vorrei esporre una situazione e chiedere un consiglio: Giorni fa ho inserito un’annuncio di vendita veicolo per conto di una parente su una famosa bacheca online.
      Abbiamo ricevuto n 2 e-mail da persone interessate scritte in inglese scorretto e fin qui, per quanto strano l’interesse di uno che apparentemente è straniero, nulla di particolare. Nella email si chiedevano alre informazioni sul veicolo che sono state prontamente fornite, anno, km, proprietari (quanti/no data) e via dicendo. La risposta arriva puntuale il giorno stesso:

      Chiaramente a questo punto la puzza è evidente, nessuno compra una macchina senza vederla.
      Ho visulaizzato le headers della mail per vedere l’origine del messaggio e mi ritrovo con un ip proveniente dalla Nigeria, apparentemente, poichè non mi sono dedicato alla ricerca più del tanto ed inoltre so bene che dietro ci potrebbe essere altro e diverso tramite l’uso di un server proxy.
      Di solito, quando ricevo e-mail di questo tipo o tentativi di phishing o frodi non apro neppure il messaggio, questa volta però mi sono un attimo intestardito sulla cosa. Avrei voluto rispondere e far capire che avevo delle informazioni leggermente più precise di un utente che potenzialmente potrebbe cadere in questo tipo di trappole, ma allo stesso tempo vorrei essere sicuro che se gli rispondo che sarò felice di continuare le trattative quando farà il prossimo viaggio in Italia dall’africa, non sbaglio, almeno paese di partenza della e-mail:)

      non so cosa ci possa essere dietro, ma ieri ne ho ricevuta un’altra, da diverso indirizzo ma dello stesso tenore assurdo. Whois mi dice che l’ip origina dalla Nigeria anche stavolta.
      Probabilmente un tentativo di trasferimento di fondi illegale in corso di tentativo o di predisposizione, non so, ma sicuramente non credo di essere così paranoico da voler immaginare del male ad ogni costo. il tenore della mail è di fatto inusuale e fuori da qualsiasi schema di trattativa.
      lo so dovrei lasciar perdere, probabilmente lo farò, ma un consiglio ove possibile lo acceterei volentieri.

      grazie ancora per le informazioni utili in questo blog

    8. pietro dice:

      ref: msg 7
      manca in realtà il testo della email che io avevo copiato/incollato, credo non sia passato perchè inserito tra tags.
      lo riquoto qui di seguito:Hello,
      Thanks for mail i really appreciate for the price of the car I’m okay with
      the price,so i will like to have your………

      NAME…………

      ADDRESS…………..

      PHONE NUMBER………..

      So i can instruct my secretary to issue a Bank check to you through the
      address you are going to give me,i will be expecting the information
      from you so that the payment can get to you fast.
      regards,

      giusto per completezza.
      ciao e grazie per la attenzione

    9. rozanita dice:

      risposta a Pietro. ho letto sul famoso libro di Salvatore Aranzulla (il ragazzino che ora lavora per Microsoft)che la truffa che ti riguarda prosegue così : ti propongono di acquistare la machina e ti mandano un assegno o un bonifico, ti chiedono perciò di versare , tramite Western Union, una cifra che servirà a coprire le spese di spedizione della stessa. poi scompaiono e l’accredito risulta non valido

    Commenta

    Your email address will not be published. Required fields are marked *