• Oneri per la sicurezza negli appalti pubblici

    SicurezzaSempre più spesso si parla di oneri per la sicurezza ossia di quei costi che l´impresa sostiene per predisporre le misure preventive e protettive necessarie per l´eliminazione o riduzione dei rischi da interferenza individuate nel DUVRI, il Documento Unico per la Valutazione dei Rischi, o nel Piano di sicurezza e di coordinamento.
    Gli oneri per la sicurezza, quindi, non solo servono a fornire il servizio o l´opera richiesta ma anche a gestire un sistema di sicurezza adeguato.

    Le imprese, soprattutto in ambito di appalti pubblici, sono tenute a stimare gli oneri per la sicurezza. Per fare questo occorre fare affidamento a quanto stabilito dalla determinazione n. 3 del 5 marzo 2008 dell´Autorità  per la Vigilanza sui Contratti Pubblici di lavori, servizi e forniture nonché dalle linee guida per la stima dei costi della sicurezza nei contratti pubblici di forniture o servizi.

    Si considerano oneri per la sicurezza: i costi sostenuti per l´installazione di ponteggi o trabattelli, per attivare misure di prevenzione e di protezione, per l´acquisto di dispositivi individuali (caschi, guanti e occhiali) o collettivi (segnaletica di sicurezza o avvisatori acustici), per la realizzazione di impianti di terra e di protezione contro le scariche atmosferiche, per l´installazione di impianti antincendio o di evacuazione fumi nonché per la realizzazione di specifiche procedure previste per motivi di sicurezza o per interventi finalizzati alla sicurezza.

    Tali costi non sono soggetti a ribasso d´asta e, pertanto, la loro stima dovrà  essere fatta analizzando le singole voci e facendo riferimento a prezzi standard o listini ufficiali vigenti nell´area interessata ovvero, qualora l´elenco dei prezzi non sia applicabile, sulla base di valori desunti da indagini di mercato. Alla stessa maniera, nel caso di subappalto, gli oneri non sono soggetti a ribasso e devono essere indicati separatamente. La mancata indicazione dei costi relativi alla sicurezza rende nulli i contratti di appalto.

    Tags:

    Se vuoi aggiornamenti su Oneri per la sicurezza negli appalti pubblici inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    sponsor

    Commenti

    1. SILVIA dice:

      Salve,
      vorrei un attimo specifica che i costi della sicurezza vanno calcolati in base al cantiere che stiamo aprendo e soprattutto non vanno presi i costi dei DPI in quanto sono già  inglobati nei costi generali aziendali; es: se mettiamo un paio di scarpe non possiamo mettere l’intro costo in quanto le scarpe non dureranno solamente per quel contiere ma anche per altri lavori. Attenzione pertanto ai costi che si sitmano!!

    2. Edoardo dice:

      Buongiorno, in merito a quanto sopra vorrei porre un quesito: nel caso di un lavoro pubblico ad iva agevolata (ad es. realizzazione di un nuovo ramo di acquedotto comunale) può essere corretto applicare l’iva agevolata (10%) solo alla parte delle lavorazioni e quella ordinaria (21% oggi) agli oneri della sicurezza?
      Cordiali saluti

    3. Maddalena dice:

      Buongiorno, vorrei porre un quesito: nel caso di un lavoro ad iva agevolata può essere corretto applicare l´iva agevolata (10%) solo alla parte delle lavorazioni e quella ordinaria (22% ) agli oneri della sicurezza?
      Cordiali saluti

    Commenta

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *