• DKIM, la nuova proposta contro spam e phishing

    Un nuovo standard di comunicazione potrebbe placare l’avanzata inesorabile del phishing e dello spam: l’Internet Engineering Task Force (IETF) ha ricevuto in esame da parte di Yahoo, della Pgp Corporation e di Sendmail il nuovo protocollo di comunicazione.

    Dall’IETF è giunto già un primo via libera. Al momento la promessa di contrastare l’invio di e-mail pubblicitarie non richieste e di e-mail truffa è ancora inattuabile in quanto si parla ancora di proposte.

    DomainKeys Identified Mail o DKIM è il nome del nuovo standard di comunicazione che è nato dal frutto di un duro anno di lavoro.

    Il funzionamento prevede la crittografia asimmetrica dei dati. Sarà possibile ricevere il messaggio integralmente e ovviare alle famose junk e-mail.

    Il server incaricato di spedire l’e-mail allegherà una firma digitale cifrata del messaggio elettronico stesso.

    Mediante un iter processuale, alquanto complesso, la mail sarà controllata e si verificherà che il messaggio provenga effettivamente dall’indirizzo del mittente.

    Il metodo funzionerà soltanto se sia il mittente che il destinatario sono dotati di sistemi che supportano il DKIM.

    Tags:

    Se vuoi aggiornamenti su DKIM, la nuova proposta contro spam e phishing inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    Commenti

    1. paxlex dice:

      L’idea non è nuova ed è da sempre nota per chi conosce PGP e i sistemi Open Source. Non sarà facile implementare una cosa del genere se non in modo totalmente automatico. Questo perché l’utente medio non sa nemmeno cosa sia una crittografia asimmetrica e spesso ha già problemi nel configurare il programma di posta. Le persone non sono abituate a ragionare sui problemi, a cercare e studiarne soluzioni, ne tantomeno ad usare sistemi complessi.
      Qualcuno potrà rispondere che PGP non è complesso, ma la risposta ovvia è che non è complesso per una persona che lo usa e lo conosce e spesso diventa inutile quando l’email deve essere ricevuta da qualcuno che non lo conosce.

      È un po’ come per Word: la maggioranza lo usa come macchina da scrivere e nessuno usa le funzioni avanzate. A volte le persone hanno già problemi quando cercano di convertire un documento da un Word 6 ad un Word 2002, perché non ne capiscono il senso.

      La strada è lunga non dal punto di vista dei programmi quanto dell’utilizzatore finale.

      Cordiali saluti

    2. Fabio dice:

      Paxlex, dkim non viene settato dall’utente finale, ma da chi gestisce il server di posta.

    Commenta

    Your email address will not be published. Required fields are marked *