• BlackHole RAT: il trojan su Mac è servito

    BlackHole RAT

    Non solo Windows e i quotidiani attacchi di cui è vittima, ora anche gli utenti Mac hanno un nuovo trojan “personalizzato” per il proprio sistema. Si tratta di BlackHole RAT (Remore Access Trojan), minaccia rilevata da Sophos e in grado di consentire l’accesso remoto ad una macchina con installato Mac OS X.

    Lo schema di azione del trojan è dei più classici: basta infatti far installare in qualche modo, chiaramente traendolo in inganno, all’utente il codice pericoloso sul sistema, in modo che, una volta installato e attivato, sia in grado di fornire l’accesso con diritti di amministratore a chi lo ha realizzato alla macchina infettata, dando modo di navigare in Internet, inviare file, inviare messaggi, eseguire dei comandi direttamente dalla shell e perfino spegnere o riavviare a proprio piacimento il Mac.

    Secondo quanto rivelato dai ricercatori Sophos, il trojan BlackHole RAT, identificato dalla società di sicurezza informatica come “osx/musminim-A“, potrebbe essere diffuso tramite il download di software pirata, ma potrebbe anche approfittare di una vulnerabilità del browser.

    Al momento non si registrano attacchi, ma l’allerta rimane alta anche perché il trojan sembra ancora in una versione “provvisoria”, quindi suscettibile di miglioramenti e affinamenti che dovrebbero renderne più efficace il raggio d’azione, con conseguenze ancora più pericolose per gli utenti Mac.

    Se vuoi aggiornamenti su BlackHole RAT: il trojan su Mac è servito inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    Commenti

    1. Ratamusa dice:

      Qui qualcuno ha dimenticato come funziona un sistema *nix.

      Altri sperano negli sprovveduti neo utenti di quel sistema operativo, soprattutto in quelli provenienti da windows dediti a scaricare e ad attivare qualunque crackware che li faccia credere di essere più furbi della media degli utenti.

      Proprio come quando erano utenti di Microsoft, fatti di malware e falle fino alle orecchie…

    Commenta

    Your email address will not be published. Required fields are marked *