• Bilancio: competenza di costi e ricavi dell’esercizio

    BilancioOgni impresa suddivide la propria vita in periodi amministrativi denominati esercizi. Solitamente un esercizio comincia il 1° gennaio e termina il 31 dicembre dello stesso anno. Tuttavia non sono rari i casi in cui l’esercizio amministrativo non corrisponde con l’anno solare. Tipico esempio sono le società calcistiche o le società che gestiscono impianti in funzione per una parte dell’anno. La suddivisione in esercizi impone il rispetto del principio di competenza con il quale l’effetto delle operazioni e degli eventi è rilevato contabilmente e attribuito all’esercizio al quale tali operazioni si riferiscono e non a quello in cui si sono verificati.

    La determinazione dei risultati dell’esercizio implica un procedimento di identificazione, misurazione e correlazione dei ricavi e dei costi relativi ad un esercizio. Al contribuente non è lasciato libero arbitrio della scelta del periodo cui imputare i componenti positivi e negativi del reddito. In tale ambito la legislazione è abbastanza chiara e individua il momento preciso in cui costi e ricavi devono essere rilevati in bilancio.

    Il codice civile, ad esempio, stabilisce che nella redazione del bilancio si deve tenere conto dei proventi e degli oneri di competenza dell’esercizio, indipendentemente dalla data dell’incasso o del pagamento. I fatti intervenuti dopo la chiusura dell’esercizio che devono essere recepiti in bilancio sono soltanto quelli che evidenziano condizioni che esistevano già alla data di riferimento del bilancio.

    I ricavi si considerano conseguiti quando il processo produttivo dei beni e dei servizi è stato completato o quando lo scambio è già avvenuto ovvero si è verificato il passaggio sostanziale e non formale del titolo di proprietà. Tale momento è solitamente rappresentato dalla spedizione dei beni ovvero quando i beni sono resi disponibili e sono fatturati. I costi vanno correlativi ai ricavi dell’esercizio. La correlazione si realizza per associazione di causa ed effetto tra costi e ricavi, per ripartizione dell’utilità e delle funzionalità su più esercizi o per imputazione diretta di un costo a conto economico dell’esercizio.

    Tags:

    • Assunzionzione agevolata disoccupati: domanda in scadenza

      AssunzioniUltimo giorno per presentare la domanda e fruire dell’agevolazione prevista per le assunzioni di disoccupati avvenute nel 2012. In tutto è disponibile oltre un milione e mezzo di euro.

      La somma è destinata a tre differenti agevolazioni: assunzioni over 50; prolungamento del rapporto di lavoro; assunzioni a tempo pieno e indeterminato di beneficiari di indennità di disoccupazione.
      (altro…)

      Tags:

      • A lezione di imprenditorialità, nuova cattedra in Bocconi

        imprenditorialità

        Il passaggio generazionale, per una PMI a gestione familiare, è tradizionalmente un momento delicato. Oltre a introdurre in azienda manager esterni, c’è anche un’altra strada: imparare l’imprenditorialità. E per offrire una formazione strutturata ai futuri imprenditori nasce la nuova cattedraRodolfo Debenedetti Chair in Entrepreneurship” dell’Università Bocconi di Milano, titolare Fabiano Schivardi, che  nel suo intervento alla Lectio Inauguralis ha analizzato il caso italiano segnato da grande diffusione di distretti industriali - rendendo il Paese una naturale culla di buoni imprenditori – ma risultati di crescita deludenti negli ultimi 20 anni.

        (altro…)

        Tags: